Bama Altopascio batte Pielle Livorno 76 a 68!

BAMA ALTOPASCIO        76

PIELLE LIVORNO            68

(15-21; 35-32; 54-48; 76-68)

Arbitri: Montalbetti e Canistro

 

BAMA: Poggetti, Lombardi, Pantosti 6, Canciello, Orsini 9, Riccio 8, Baroncelli 14, Cappa 13, Bini Enabulele, Meucci 14, Bonari, De Falco 12. All. Novelli

 

LIVORNO: Creati 13, Di Sacco 2, Bianchi, Burgalassi 15, Navicelli, Bertolini 15, Portas Vives, Dell’Agnello 8, Marrucci 3, Benini 12. All. Da Prato.

 

Quando in una vittoria si fatica a trovare la figura che possa corrispondere ad un eventuale MVP é il chiaro segnale che la vittoria é di squadra. Così é stato per il Bama al cospetto di una Pielle acciaccata, con Loni e Malvone ai box e con Dell’Agnello al rientro dopo un lungo stop. Doveroso quindi complimentarsi con un avversario che , almeno per 35′, non ha mai mollato. Chiaro segnale che una volta al completo lotterà per ben altri obiettivi rispetto ai rosablu. Rosablu che in questa gara sono stati superiori con ognuno a portare il proprio “brick in the wall”. Menzione doverosa per la new entry Riccio, catapultato dalla Campania alla Toscana, e, con un paio di allenamenti nelle gambe, ha risposto da “chapeau” all’appello con un semplicissimo percorso netto (1 su 1 da 2, 1 su 1 da 3, e 3 su 3 ai liberi). Autore inoltre dell’canestro più libero che ha dato ossigeno ad un Bama un pò in apnea. L’inizio é di marca labronica. Il Bama ha De Falco (7 punti nel quarto) e Cappa (5)  tirati a lucido, coadiuvati da una tripla di Baroncelli. Ma é la difesa a non mordere a dovere concedendo tiri aperti o comode penetrazioni. Bertolini e Burgalassi non perdonano (15-21) La seconda frazione vede un deciso cambio di inerzia con i rosablu che giocano bene e accorciano con una tripla di Baroncelli (24-25), Creati risponde volando in percussione ma due piazzati di Meucci danno prima l’impatto e  poi il sorpasso (33-32). Riccio dalla lunetta dà il +3 all’intervallo lungo (35-32). RIpresa e, come spesso succede, il terzo periodo é sempre meno bello dei precedenti. Baroncelli, Cappa dall’arco e Orsini danno il +9 (49-40) subito rintuzzato da un ottimo Burgalassi (49-44). Terza sirena sul 54-48 e ultimi dieci giri di lancette con Meucci che prova ad infilare la banderillas (62-54) ma la Pielle, squadra dal grande cuore, non molla rientrando per due volte a -5. Sul 66-61 c’é la svolta della gara. La difesa rosablu collassa sui giocatori più pericolosi lasciando molto spazio agli altri e allunga prima sul 70-61 con una penetrazione volante di Orsini ed un “long two” di Cappa. Strappo decisivo firmato Pantosti, prima con due liberi (72-61), poi con due percussioni avvitate/carpiate per il 76-61 a -1’40”. Game over, anche se la Da Prato band, accorcia con un 7 a 0 sui titoli di coda. Finisce nel tripudio rosablu e con i numerosi, e correttissimi, tifosi labronici a tributare ai proprio beniamini il giusto applauso. Bama che rimane nel gruppo alle spalle delle capoliste. Legna in capanna e fieno in cascina per quando arriverà l’inverno.

Lascia un commento