Bama Altopascio-Synergy San Giovanni Valdarno!

I famosi tre indizi che fanno una prova. Tra i top team della C Gold ed il Bama c’é un abisso. I rosablu sono stati letteralmente “rullati” senza pietà a Firenze e a  Lucca,  e battuti nettamente, a dire il vero rimanendo in gara (-3) fino al 35′, da Castelfiorentino a domicilio. Hanno poi vinto con l’altra squadra pretendente alla B (Pielle Livorno) ma contro un avversario privo di due pedine fondamentali e disputando la miglior gara, fino ad ora, del campionato. La cosa era ben presente sin da agosto in via Marconi, nonostante i commenti esterni dell’ultim’ora, ed é ancora più presente adesso, anche se nessuno pensava che ci fosse così tanto “catrame” nelle sconfitte esterne. Le sei vittorie consecutive sono avvenute (Pielle a parte) contro team alla portata, o inferiori,  della Novelli Band. Stop. Partendo da questa premessa i rosablu devono rituffarsi nel “proprio” campionato che li vedrà impegnati prima della pausa natalizia in tre gare fondamentali: San Giovanni Valdarno in casa, Valdisieve e Montevarchi fuori. Match che fungeranno da bussola per il campionato rosablu. Mantenere la rotta nord-est per una salvezza tranquilla o venire risucchiati in direzione sud. Leggasi il terreno paludoso delle ultime posizioni. Domani arriverà a Ponte Buggianese la Synergy San Giovanni Valdarno, una squadra che ogni anno riesce costruire la propria salvezza grazie ad un fattore campo importante, sospinta dalla bolgia del Paladrago. Nell’ultimo match ha travolto nella seconda parte di gara San VIncenco, fatto questo che é costato l’esonero al coach perdente Mori. Fuori casa gli arancio-verdi si sono storicamente mostrati più vulnerabili anche se hanno inserito nel roster proprio domenica scorsa il colored Marcus Price, ala/centro di 1,98 che dopo la trafila nello York College del Nebraska é approdato nel 2016 in C Silver a Viterbo chiudendo ad oltre 20 di media. Atleta poi sparito dai radar cestistici nella scorsa stagione. Se la gara era comunque da prendere con le molle vista l’assenza di De Falco e Riccio per squalifica, adesso é da prendere col forcone. I valdarnesi sono, come il Bama del resto, una squadra perimetrale con Brandini ad elevarsi sul resto, ma anche con i var Pelucchini, Bartolozzi, Corsi, Innocenti e Dainelli. Sotto la plance , oltre a Price, l’ex rosablu Trillò, atleta esperto e dotato di buona tecnica. Ma quello che conta é che hanno una grande predisposizione alla battaglia. Ci vorrà quindi una gara maschia da parte dei rosablu, una prestazione al limite della perfezione per avere ragione dei ragazzi di Masini. E soprattutto un atteggiamento difensivo aggressivo e “testosteronico” , non morbido e remissivo, per rimanere nei quartieri alti della classifica. Quartieri alti del proprio campionato, non  quello dei top team con budget tripli di via Marconi, ça va sans dire… Palla a due alle 18,00.

Lascia un commento