FIDES MONTEVARCHI – BAMA ALTOPASCIO 80 a 85!

FIDES MONTEVARCHI                80

BAMA ALTOPASCIO                    85

(11-27; 39-51; 53-69; 80-85)

Arbiri: Carlotti e Marinari

MONTEVARCHI: Batistini 16, Baldini, Caponi 2, Masini, Sereni 6, Neri 4, Baldinotti, Masciadri 6, Falsini, Malatesta 14, Bonciani 5, Guilavogui 27. All. Venturi 

BAMA: Poggetti, Lombardi 9, Pantosti, Orsini 21, Riccio 24, Baroncelli 7, Cappa 9, BIni Enabulele, Meucci 4, Bonari, De Falco 11. All. Novelli 

“Amala, pazza Bama amala”… Mutuare un refrain da un inno calciofilo é d’obbligo in sede di commento del match a Montevarchi. Il Bama in assoluto controllo, salvo rarissimi casi, del match si porta sul +14 (66-80) a 4’26” dalla sirena con una tripla di Orsini. I padroni di casa gettano il cuore oltre l’ostacolo e nella bagarre finale gli altopasciesi staccano completamente la spina, subendo un parziale di 14 a 3  che fissa il punteggio sull’ 80-83 a -48″. Menomale che un sontuoso Riccio  (prova stellare con 24 punti in 22′, 1 su 1 da 2, 5 su 7 da 3, e 7 su 8 ai liberi) si procura un fallo in percussione e non sbaglia dalla lunetta (80-85). Ultima azione per Montevarchi che non riesce a convertire una doppia opportunità per accorciare. Ad essere onesti ci sono state molte  attenuanti per i rosablu. Giocare alle 21,30 di venerdì sera, dopo, per alcuni, una giornata pesante di lavoro ad oltre 100 km di distanza, con in più un viaggio da incubo può divenire un fardello pesante. Oltre a ciò una distorsione alla caviglia occorsa a Cappa nell’ultimo allenamento che ha costretto il capitano rosablu (comunque ottima la sua prova, soprattutto in fase difensiva) a giocare sul dolore. Detto questo la truppa di Novelli arriva al palasport, di Montevarchi, causa code continue, dopo circa 2 ore e 40′ di viaggio, intorno alle 21,00. I giocatori indossano la tenuta da gioco ed effettuano un minimo riscaldamento prima della palla a due. In genere in questi casi si assiste ad un inizio col freno a mano, invece i rosablu hanno un approccio fantastico al match. De Falco segna e fa segnare, Lombardi colpisce in percussione, così come Orsini, Meucci e Cappa, che ribadisce anche dalla media. Montevarchi appare frastornato, ma a 13″ dalla prima sirena il basket dimostra tutta la sua imprevedibilità. Ultima azione per il Bama sul 27-8, con 13″ da giocare. Attacco un pò pasticciato, tiro sbagliato e Batistini dal proprio canestro lascia partire un missile terra aria che si insacca senza nemmeno sfiorare il ferro (27-11) sulla sirena. Questo episodio fortuito accende la fiamma della speranza per i padroni di casa e mette i partita il pubblico. La zone-press di Venturi viene superata senza la minima difficoltà ma l’attacco rosablu perde fluidità ed acquista in frenesia. Sul fronte opposto Guilavogui impeversa a centro area, segnando da ogni dove. I biancoverdi si riportano a -4 (29-33) ma entra Riccio che con due triple in 40″ riporta il Bama a + 10(29-39). SI prosegue a ritmo altissimo per il +12 esterno all’intervallo (39-51). Ripresa e la Venturi Band alza ancora il ritmo e la pressione, ma un “fade-away” di De Falco, due triple di Orsini e Riccio e un semigancio di Meucci riportano i rosablu in assoluto controllo sulla terza sirena (53-69). 16 punti che sembrerebbero essere forieri di un’ultima frazione da giocare con le scarpe slacciate, ma così non é. I padroni di casa hanno il grande merito di non mollare mai ed iniziano a segnare con regolarità. La difesa del Bama é a dir poco rivedibile ed il debito di ossigeno rosablu é palese. Menomale che ci pensa “l’eleganza del Riccio” a 38″ dal termine con i due liberi descritti all’inizio. Vittoria comunque preziosa che consente al Bama di salire a quota 16 punti ad un turno dal termine del girone di andata. La stagione scorsa i rosablu chiusero a quota 18 a fine campionato. E’ bene a volte voltarsi indietro per non dimenticare.

Lascia un commento